GAS is the universe of denim. If it’s denim it’s GAS

 

yossi

Raccontaci di te

 

Sono di origine Yemenita ma sono nato in Israele, un Paese che mi ha ispirato molto per la sua modernità e la sua energia. La sartoria di mio nonno e di mio padre è stata la mia scuola di famiglia. Ricordo ancora il ferro a carbone che aveva mio nonno in negozio… La mia visione nella moda è nata da tutte le esperienze dall’infanzia trascorsa a Tel Aviv: il profumo del mare, il silenzio del deserto, la libertà espressiva del mio essere bambino, il pianto, i dolori.

 

Qual è la tua formazione creativa?

 

Il mio percorso creativo è iniziato a otto anni con la prima lezione di pittura; è continuato da ragazzo con altre forme d’arte fra cui la scultura, per poi entrare nel mondo della moda sia in Israele che a New York. Desideravo la fusione fra l’arte plastica e l’emozione di un vestito, che aggiunge la vita, il movimento. Questo è la moda per me.

Quello che ha maggiormente segnato la mia visione creativa sono state le prime sfilate che ho visto dei giapponesi, con i quali in seguito ho fatto le mie prime esperienze lavorative quando mi sono trasferito da New York a Parigi.

Questo mix fra la mia cultura israeliana, il marketing americano e la creatività francese mi ha dato il gusto e desiderio di lavorare nella contraddizione. Mischiare, contaminare, per trovare soluzioni estetiche contemporanee e attuali. Il quarto elemento l’ho trovato in Italia. Trasferendomi qui, mi sono immerso nella cultura artigianale abbinata a quella industriale... il magico incontro della ricerca con il desiderio del bello.

 

Quando e perché ti sei innamorato del denim?

 

Il denim è una materia prima che mi ha sempre affascinato perché è versatile, senza tempo. È un materiale senza frontiere di età, senza confini sociali ed economici, che esprime energia e libertà. È una materia prima non solo per l’abbigliamento ma della società contemporanea: simbolo di gioventù, di uno stile di vita ribelle e moderno. È il tessuto che fa parte della trama della vita di tutti: universale, senza tempo, eternamente giovane.

 

Qual è la tua visione per il futuro di GAS? 

 

La mia visione per GAS si traduce in un mondo: GAS is the universe of denim. If it’s denim it’s GAS.  Vorrei iniziare dall’espressione creativa sulla materia, la ricerca nella varietà delle forme, creare un linguaggio estetico unico in cui la contaminazione del denim costituisca la base. Il mio obiettivo ora è di mettere il cuore e l’anima per realizzare la GAS del futuro. Tradurre la mia visione in qualcosa di concreto che allo stesso tempo si immedesimi nel DNA del marchio: disegnare un Denim universale, versatile, con un stile moderno, fresco, assertivo, contemporaneo. Portare GAS ad essere un brand leader nel mondo Denim Internazionale.