acciai

Lei è l’amministratore delegato di GAS. Che cosa l’ha convinta ad intraprendere quest’avventura?

Quello che mi ha davvero colpito sin dal primo incontro è l’amore che la famiglia Grotto riversa nel brand GAS e nella sua azienda. La genuinità con la quale viene espressa questa passione sono la testimonianza di un autentico modo di essere.

 

Una volta entrato in azienda cos’ha scoperto?

Mi ha sorpreso la qualità del denim. Poi la smisurata passione per la ricerca. Se dovessi poi raccontare cosa accade prima di finalizzare un lavaggio…

 

Perché il consumatore dovrebbe scegliere GAS?

 

Ho la pretesa di affermare che il nostro prodotto ha un tale rapporto prezzo/valore che non può sfuggire a nessuno. E poi, per farla facile, è bello e veste molto bene. Insomma crediamo di essere eccellenti e mi piace evidenziare che GAS è una delle rare realtà italiane dove il denim si crea come in una delle più blasonate maison.

 

Cosa vede nel futuro dell’azienda?

 

Il futuro di un’azienda di costruisce sulle solide basi dell’heritage. La nostra storia è il nostro futuro. Continueremo ad essere il brand dove talento, emozione, creatività, qualità, ragionevolezza ci distingueranno. Non sono tempi in cui si possa credibilmente parlare di espansione, ma sono tempi in cui il lavoro si concentrerà sulla percezione della nostra unicità.